Categorie
USA

USA, FILM DELL’ORRORE

Riporto qui di seguito le riflessioni di un amico sullo stato delle cose in Usa. Buona lettura.

I Tempi Moderni

Da quasi cinquantenne ho l’impressione di essere stato teletrasportato in un film …. Un bruttissimo film da cui si può apprendere, e sto apprendendo tantissimo.

Il film in cui sono stato catapultato è un film ideologicamente vissuto e scieneggiato Made in the USA….. Gli USA sono un aggregazione di stati allo sbando con un debito superiore ai 30.000 miliardi di dollari, un entità con scarso se non inesistente sistema produttivo, infiniti poveri non censiti tra i disoccupati che vivono in tendopoli di dimensioni impressionanti
https://youtu.be/44ukI1MpPMs , città sommerse da ogni tipo di droga il cui emblema è la città di Philadelphia… https://youtu.be/Mtbt315dzO8 … un sistema aritmeticamente fallito…. di contro sempre gli USA emergono per elevato numero di Miliardari che oggi si fanno chiamare filantropi i quali rappresentano il malsano sistema produttivo Americano fondato sulla produzione di Armi e oggi anche sulla dittatura sanitaria con sperimentazioni sugli esseri umani…. In generale sulla speculazione pura senza alcuna moralità e anche a discapito della perdita di milioni di vite umane.
La produzione di Armi ha sempre contraddistinto gli USA …. Tanta produzione deve essere smaltita e quindi si inizia a diffondere il mantra della democrazia a tutti i costi !!!!
https://youtu.be/mhuRBRzZpSQ.
In questo film diversamente dai film di guerra americani i buontemponi filantropi hanno pensato bene, da azionisti delle case farmaceutiche, di applicare agli esseri umani quanto già applicato con successo sui computer…. Un antivirus annuale!!!! Con il COVID ha fruttato alla sola Pfizer 97 Miliardi di euro.

Da anni i filantropi finanziano e promuovono un cambio etnico in Europa…. L’invasione continua… gli USA distruggono l’Africa e l’Africa si riversa in Europa.

Mi sono risvegliato di soprassalto da questo bruttissimo incubo e ho pensato….. devo, dobbiamo salvare i nostri figli da questi criminali seriali…. Occorre non girarsi dall’altra parte come se tutto ciò non ci toccasse…. La verità è che stanno distruggendo il futuro in nome del danaro..

Chi non si attiva è compiacente…

Per chi volesse approfondire le proprie conoscenze può visionare i video relativi sopra riportati.

Categorie
USA

LA RUSSIA STA PERDENDO LA GUERRA DELL’INFORMAZIONE?

Pubblico in lingua originale un interessante contributo appena inviatomi da Laura Ruggeri. Potete utilizzare google traduttore, in ogni caso la traduzione verrà pubblicata su Lantidiplomatico. Con questo articolo incomincio a pubblicare pezzi in inglese, per raggiungere una platea internazionale.Buona lettura

Categorie
USA

GLI STATI UNITI ALL’ATTACCO ECONOMICO DI CINA E UE

La Camera Usa prenderà in considerazione H.R. 4521, l’America Making Opportunities for Manufacturing Pre-Eminence in Technology and Economic Strength (America COMPETES) Act del 2022, un pacchetto legislativo che fa nuovi investimenti nella ricerca, nell’innovazione e nella produzione americana e che garantiranno che l’America possa battere qualsiasi nazione in il mondo, ora e per i decenni a venire. Il pacchetto accelererà gli Stati Uniti nella produzione di chip semiconduttori critici, rafforzare la catena di approvvigionamento per produrre più beni in America, potenziare la capacità di ricerca per guidare le tecnologie del futuro e far avanzare la competitività globale, supportando nel contempo solidi standard di lavoro.• La legislazione riflette il lavoro bipartisan tra le commissioni: le sue componenti principali includono molti progetti di legge che sono già stati approvati alla Camera con forti voti bipartisan o hanno cosponsor bipartisan. • L’America COMPETES Act del 2022 è un pacchetto completo per rafforzare la competitività americana, tra cui: La creazione del Fondo CHIPS for America include 52 miliardi di dollari per CHIPS for America Act che incentivi gli investimenti del settore privato e la continua leadership americana nella fabbricazione di semiconduttori e aiutare ad affrontare le interruzioni della catena di approvvigionamento e garantire che più semiconduttori vengano prodotti qui a casa. Rafforzare la catena di approvvigionamento e la produzione americana. Perciò si autorizzano 45 miliardi di dollari a migliorare le catene di approvvigionamento della nazione e rafforzare l’economia e la sicurezza nazionale prevenendo la carenza di beni critici e garantendo che più di questi beni vengano prodotti proprio qui negli Stati Uniti. Avanzare l’eccellenza nella ricerca scientifica, nella tecnologia e nell’innovazione americana. Effettuare importanti investimenti basati su nuove soluzioni in ogni aspetto dell’innovazione e della ricerca scientifica, realizzando il tipo di investimenti che porteranno a scoperte rivoluzionarie. Garantire la competitività e la leadership globali dell’America attraverso lo sviluppo economico; Diplomazia e alleanze incluse numerose disposizioni per rafforzare e promuovere la leadership americana in tutto il mondo, anche in aree come investire in partenariati e alleanze, investire nella difesa dei valori americani, espandere gli investimenti nella diplomazia Gli Stati Uniti, si afferma,  sono stati a lungo un faro di eccellenza nel campo della scienza e della tecnologia nel mondo. Da quando l’ultimo grande investimento in innovazione e competitività, l’originale COMPETES Act, è stato approvato quasi 15 anni fa, l’America è rimasta indietro in termini di leadership globale nella scienza e nell’innovazione. Per la Camera Usa la necessità è di reinvestire e reimmaginare l’approccio alla scienza e all’innovazione come un imperativo nazionale. Quando il Senato ha approvato la sua versione del disegno di legge a giugno, il senatore repubblicano della Florida. Marco Rubio ha affermato: “Questo tipo di investimento mirato in un settore critico era impensabile solo un paio di anni fa, ma la necessità di una politica industriale intelligente è ora ampiamente accettata”.

Il nemico principale è la Cina, ma lo scontro economico e valutario sarà anche con l’Unione Europea.

Categorie
USA

L’ECONOMISTA USA SACHS RICONOSCE LA GUERRA DI CLASSE IN USA

Interessante intervento ieri su Il Sole 24 Ore dell’economista americano Jeffrey Sachs  che racconta la profonda crisi economica, sociale (con i “morti per disperazione” per droga e suicidi) ed istituzionale americana. Cita il miliardario Warren Buffett, che nel 2006 dichiarò che c’era la guerra di classe ma la stavano conducendo loro, i ricchi, e la stavano vincendo. Per Saschs la crisi americana è essenzialmente istituzionale, iniziata agli inizi degli anni settanta con la “guerra di classe”. Anno chiave 1971, quando Nixon nomina il giudice Powell alla Corte Suprema: sarà lui a spalancare le porte dei finanziamenti dei miliardari ai partiti e a smantellare il welfare. Continuò Reagan con l’attacco ai lavoratori e allo Stato Sociale. Risultato: la politica americana è fatta da ricchi per i ricchi. Il bilancio federale arriva appena al 31% del pil (contro il 45% europeo) e non copre sanità, istruzione e tutela ambientale. Sachs al momento non vede soluzioni, spera in Biden ma il suo piano è stato bocciato. Un quadro fosco che inizia con la guerra di classe negli anni settanta, simile alla nostra, con la differenza che qualcosa da noi è ancora rimasto. A maggior ragione, vedendo il confronto con gli Usa, dobbiamo sperare che quel minimo di Stato Sociale rimanga. Le premesse non sono buone, la guerra dei ricchi contro i lavoratori sembra trionfante. Sachs vorrebbe in  Usa quel salario sociale globale di classe costruito da Roosevelt negli anni trenta e in voga fino al 1976, mentre è rimasto qualcosa da noi. Cita i morti per disperazione dei  giovani per droga e suicidi e la depressione che colpisce le nuove generazioni. Un quadro nero della “guerra di classe” dei possidenti, a 50 anni di distanza. A maggior ragione un senso per cambiare le sorti della storia.

Categorie
USA

Sommovimenti in Occidente

Ci sono sommovimenti in Occidente. Spuri, ancora non decisivi, ma che incominciano a fare opinione Un trittico di giornate da incorniciare: venerdì notte il Congresso americano ha approvato un pacchetto welfare decennale da 1600 miliardi di dollari, con spese per alloggi popolari, asili gratuiti, spese per istruzione, centralizzazione acquisti farmaci del sistema Medicare, bonus per polizze sanitarie. Domenica è la volta dell’ex direttore di Repubblica Verdelli che su Il Corriere analizza la povertà lavorativa estremamente diffusa con salari bassissimi per tutti, citando le parole di Mattarella, di cui ho reso conto in questa bacheca. Stamane alle 6, prima di lavorare, sono catturato dall’editoriale del direttore guerrafondaio atlantista Ezio Mauro di Repubblica, La rivincita del Welfare. Cito alcuni passaggi: “siamo davanti ad una resurrezione del Welfare;(…)Oggi c’è anche la consapevolezza che il Welfare è uno strumento di governo delle società complesse perchè costituzionalizza il bisogno e l’insicurezza, ammortizza la lotta di classe, obbliga lo Stato a rivelare una sua dimensione sociale. (…) E l’abitudine a tollerare un tasso di disoccupazione così alto riduce il monte contributi pensionistico, creando il dogma del welfare troppo caro, mentre è evidente che è la disoccupazione a costare troppo”. I molti contatti della mia bacheca che hanno letto il libro Piano contro mercato sanno perfettamente che la tesi del libro è che il salario sociale, appunto il welfare, è un meccanismo di accumulazione capitalistico perché se tu dai ai proletari l’alloggio popolare, sanità, istruzione,università gratuita, assistenza sociale liberi il suo reddito che lo investe in risparmi (buoni per gli investimenti) e in consumi. Era il modello della Prima Repubblica, con la stagione delle riforme. La Cina sta mutuando, questa la tesi del libro, questo modello nostro che avevamo e ora è inarrestabile. Ezio Mauro, che vuole quasi la guerra alla Cina, si rende conto che senza welfare non c’è accumulazione capitalistica e dunque l’Occidente soccombe. Questa “resurrezione” del welfare serve al disallineamento economico dell’occidente dalla Cina, per toglierle spazio economico, è in definitiva un arrocco. Al momento in Italia non ci sono questi segni, ma Corriere e Repubblica sono l’eco del capitale finanziario italiano ed internazionale. Da parte mia seguirò quanto di dovere.

Categorie
Economia USA

Ottobre l’ export italiano verso gli Usa

Visto che gli ” analisti economici”, tutti, nessuno escluso, da novembre del 2016 scrivono del ” pericolo protezionismo americano” con Trump, vi informo che ad ottobre l’ export italiano verso gli Usa è… aumentato del 17% mentre l’import è….diminuito dello 0.5%. In 10 mesi del protezionista trump il surplus commerciale verso gli usa passa da 18 a…..quasi 21 miliardi. Chi è protezionista, allora?

Categorie
Economia USA

USA is back

USA is back. La riforma fiscale di Trump ostacola il buy back azionario delle multinazionali (cioè il riacquisto delle azioni, carta finanziaria) e permette la deducibilità completa degli investimenti per 5 anni. In più l’aliquota passa dal 35 al 20%, misura di protezionismo fiscale che ormai applicano tutti i paesi come concorrenza capitalistica mondiale. Ciò permetterà:1) il rientro di migliaia di miliardi di $ delle multinazionali che finanzierà il deficit estero e pubblico americano;2) il reshoring, vale a dire il rientro delle attività manifatturiere; 3) nuova industrializzazione attraverso una politica commerciale non più multilaterale ma bilaterale (esempio cina usa; vietnam usa). America is back,.Dopo decenni, dalla carta finanziaria ritornano al manifatturiero.

Categorie
USA

USA: tasso di partecipazione al lavoro è calato dal 63.8% al 62%

Ebbene si, dopo la crescita del 3% del PIL, dopo l’ aumento spettacolare della produttività Usa del 3%, dopo il cosiddetto boom occupazionale americano, la crescita dei salari Usa, prevista di uno già striminzito 0.2%, a ottobre è salita di uno spettacolare 0.0%. Il tasso di partecipazione al lavoro è calato dal 63.8% al 62%. Qui quelli che crescono, il vero boom americano, è quello che Marx chiamava i ” lazzari” della forza lavoro. Così in UE e in Italia. In occidente siamo tutti lazzari.

Categorie
USA

Stati Uniti, terzo trimestre la produttività del lavoro è aumentata del 3%

Negli Stati Uniti nel terzo trimestre la produttività del lavoro è aumentata del 3%, il costo del lavoro dello 0.5%. NEl secondo trimestre il rapporto è stato rispettivamente 1.5% e 0.3%. Nel giro di poco tempo il capitale in usa si è mangiato 3.7% di guadagni da lavoro mentre la crescita dei salari e’ al di sotto della stessa inflazione. Ford previde che se i guadagni di produttivita’ non venivano distribuitii al lavoro anche con riduzione di orari ci sarebbe stato il collasso della domanda. Al momento va il debito credito al consumo…

Categorie
Economia USA

Chiaro che fanno le guerre

Una cosa è certa: la Fed ammette che la crescita del pil americano è al di sotto del suo prodotto potenziale, stimatO all’incirca al 3,5%. Ora viaggia al 2%, praticamente niente, e così sarà per i prossimi anni, così come il livello di inflazione, che raggiungerà il 2% solo nel 2017 ( in eurozona nel 20120)-

Chiaro che fanno le guerre…